Ricetta per Fuerteventura: prime impressioni di viaggio.

Chiudi gli occhi e immagina di sentire un forte vento; adesso dipingi la terra di giallo, il cielo con l'indaco e il mare di blu. Aggiungi sabbia chiara, montagne vellutate, sole che brucia e di notte stelle luminose. Concludi con mulini a vento, capre e qualche vela nell'oceano.

 

Siamo a Fuerteventura da 5 giorni: troppo poco per poter dire di aver conosciuto quest' isola, ma a sufficienza per capire quanto sia sottovalutata. 

Qualche orrendo centro abitato, resort che sembrano incubi architettonici e turistici locali sulla spiaggia nascondono la sua aspra bellezza, da respirare in quei posti silenziosi e immobili dell'entroterra o nei piccoli villaggi di pescatori lungo la costa, dove il tempo sembra essersi fermato.

Bastano un paio di scarpe, un quaderno e una penna, una macchina fortografica e una ruota di scorta per l'auto per addentrarsi nella sua natura arida, scoprire la sua storia, la sua cultura, affondare gli occhi nel suo oceano agitato che si infrange sulle scogliere nere o che scivola sui chilometri di sabbia chiara, per dire a tutti quelli che sostengono che Fuerteventura non sia altro che spiaggia e ombrellone: <<Mi dispiace, ti stai sbagliando.>>

L'isola ha subito una trasformazione dei suoi centri principali e di alcuni tratti di costa dettata dal turismo di massa che, a partire dagli anni '70, diventò fonte di sostentamento per i suoi abitanti, deturpando però in maniera insensata e deleterea il paesaggio naturale. Fortunatamente il governo locale sembra essersi accorto dei problemi causati da questo sfruttamento intensivo e aggressivo del territorio e sembra si stia piano piano adoperando per promuovere un turismo più responsabile, tanto che nel 2009 Fuerteventura è stata proclamata Biosfera dell'UNESCO.

Un buon numero di musei è presente su tutta l'isola, ma devo dire purtroppo mal pubblicizzati e poco valorizzati (di alcuni parlerò nei prossimi articoli).

Esistono molti sentieri per gli amanti della natura, da percorrere a piedi o in bicicletta, ma anche di tutto questo esiste poco materiale informativo: gli unici modi per scoprire luoghi di interesse naturalistico (ad esclusione del celebre Parco delle Dune di Corralejo) sono avventurarsi in autonomia oppure chiedere consigli agli abitanti del posto.

Proseguo quindi il mio soggiorno a Fuerteventura, che sarà per certo troppo breve, in attesa di scoprire ciò che ha di nuovo e straordinario da offrirci.


Powered by Spearhead Software Labs Joomla Facebook Like Button

Letto 51366 volte Ultima modifica il Domenica, 31 Luglio 2016 23:30

17 commenti

Lascia un commento

Ricordati di compilare tutti i campi contrassegnati da (*). Puoi utilizzare anche codice HTML base.

Contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

           

Online

Abbiamo 167 visitatori e nessun utente online

Rispetta il nostro lavoro

Tutte le fotografie che trovi all’interno di questo sito sono protette da copyright. Ogni immagine è il frutto di impegno, lavoro, e ricerca. Per favore, non utilizzare le immagini senza citarne la fonte: puoi condividerle sui social network, sul tuo blog o sul tuo sito senza togliere il watermark e inserendo un link a questo sito. Diversamente, se ti interessano delle immagini per altri scopi, ti preghiamo di contattarci via mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

GRAZIE PER ESSERE PASSATO DI QUI!

Close

Il tuo aiuto è molto importante! Se il contenuto che hai appena letto ti è piaciuto e pensi possa essere interessante anche per altri, condividi!...basta un click!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per saperne di più o per modificare le impostazioni d'uso clicca qui. Continuando la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.